Biennale di Venezia 2019| Andreas Lolis che scolpisce in marmo, alla maniera degli antichi, sacchi dell'immondizia e vecchie scatole di cartone

Andreas Lolis , Untitled, 2018. Marble. Photo by: Francesco Galli. Courtesy: La Biennale di Venezia

Andreas Lolis , Untitled, 2018. Marble. Photo by: Francesco Galli. Courtesy: La Biennale di Venezia

L’artista Andreas Lolis ironizza sulla contemporaneità usando la tradizione classica. Nato in Albania ma residente ad Atene, lavora il marmo con virtuosismo, facendo riferimento alla scultura greca. Solo che nelle sue opere gli dei lasciano spazio ai giacili improvvisati dai senza tetto, la perfezione ai sacchi dei rifiuti, il piedistallo ad angoli nascosti in cui le opere cercano di mimetizzarsi.

Andreas Lolis partecipa alla Biennale d’Arte di Venezia 2019, “May you Live in Interesting Times” (curata da Ralph Rugoff), con due composizioni scultoree iperrealiste, collocate all’esterno delle aree espositive principali (Arsenale e Padiglione Central dei Giardini).

In mezzo alla vegetazione del Giardino delle Vergini (Arsenale) Lolis ha creato una panchina di marmo verde, su cui sono stati posizionati un vecchio materasso e un cuscino logoro di marmo bianco. Difficile da individuare per la somiglianza con un vero letto improvvisato, l’installazione, dà prova dell’abilità di Lolis, inducendo sentimenti contrastanti (stupore, ironia, compassione). Il manuale della manifestazione, la spiega in questo modo: “Si tratta di opere nate dl desiderio di parlare commemorandolo, del ‘paesaggio della crisi’ della Grecia contemporanea. Le ricerche indicano che ad Atene una persona su sette è senza fissa dimora e questo le è accaduto negli ultimo cinque anni.”

Il desiderio di congelare ciò che è precario, mettere al centro della scena quello che è stato scartato, rimosso, abbandonato, ritorna anche nel complesso di sculture realizzato per i Giardini (che accolgono il visitatore accanto il portone d’ingresso del Padiglione Centrale). Ci sono tre sacchi della spazzatura, un cartone portavivande fradicio e altri rifiuti. Tutto è stato scolpito in marmo con una padronanza tecnica ineccepibile. I sacchi dell’immondizia realizzati in nero del Belgio, in particolare, fanno capire come nulla sia lasciato al caso: persino le venature simulano le tensioni della plastica e concorrono con la luce a rendere più vive le forme.

Le sculture iperrealiste di Andreas Lolis rimarranno esposte alla Biennale di Venezia fino al 24 novembre 2019.

Andreas Lolis , Untitled, 2018. Marble. Photo by: Francesco Galli (particolare). Courtesy: La Biennale di Venezia

Andreas Lolis , Untitled, 2018. Marble. Photo by: Francesco Galli (particolare). Courtesy: La Biennale di Venezia

Andreas Lolis , Untitled, 2018. Marble. Photo by: Francesco Galli. Courtesy: La Biennale di Venezia

Andreas Lolis , Untitled, 2018. Marble. Photo by: Francesco Galli. Courtesy: La Biennale di Venezia

Andreas Lolis , Untitled, 2018 . Marble, wood, steel. Photo by: Italo Rondinella. Courtesy: La Biennale di Venezia

Andreas Lolis , Untitled, 2018 . Marble, wood, steel. Photo by: Italo Rondinella. Courtesy: La Biennale di Venezia

Andreas Lolis , Untitled, 2018. Marble. Photo by: Francesco Galli. Courtesy: La Biennale di Venezia

Andreas Lolis , Untitled, 2018. Marble. Photo by: Francesco Galli. Courtesy: La Biennale di Venezia

Andreas Lolis , Untitled, 2018. Marble. Photo by: Francesco Galli (particolare). Courtesy: La Biennale di Venezia

Andreas Lolis , Untitled, 2018. Marble. Photo by: Francesco Galli (particolare). Courtesy: La Biennale di Venezia

Andreas Lolis , Untitled, 2018 . Marble, wood, steel. Photo by: Italo Rondinella. Courtesy: La Biennale di Venezia

Andreas Lolis , Untitled, 2018 . Marble, wood, steel. Photo by: Italo Rondinella. Courtesy: La Biennale di Venezia

Andreas Lolis , Untitled, 2018. Marble. Photo by: Francesco Galli. Courtesy: La Biennale di Venezia

Andreas Lolis , Untitled, 2018. Marble. Photo by: Francesco Galli. Courtesy: La Biennale di Venezia

Andreas Lolis , Untitled, 2018. Marble. Photo by: Francesco Galli. Courtesy: La Biennale di Venezia

Andreas Lolis , Untitled, 2018. Marble. Photo by: Francesco Galli. Courtesy: La Biennale di Venezia

Il candore delle cave di Carrara che nella fotografia aerea di Bernhard Lang si fa Astrattismo

all photos © bernhard lang

all photos © bernhard lang

La serie “Carrara Marble” del fotografo tedesco Bernhard Lang (di cui ho parlato qui e qui) sembra un susseguirsi di rappresentazioni astratte tono su tono. Molto raffinate, molto pittoriche, persino materiche.
In realtà, invece, si tratta di fotografie aeree delle cave di marmo di Carrara sulle Alpi Apuane.

Bernhard Lang, che nelle sue immagini mixa estetica e temi sociali, ha già riletto il paesaggio italiano nella serie “Adria” (sul litorale Adriatico). In “Carrara Marble” ha lavorato con la tavolozza composta quasi esclusivamente di toni del crema e del bianco, riuscendo comunque ad arrivare a delle immagini convincenti.

Perfarlo, Lang, senza abbandonare la fotografia aerea che è un po’ il suo marchio di fabbrica, ha dovuto cambiare spesso l’angolazione delle inquadrature.

“L’eccezionale qualità di questo marmo bianco è nota sin dai tempi dei romani- spiega Bernhard Lang- quando l’impero romano già lo usava per la costruzione dei suoi più prestigiosi monumenti e sculture. Il nobile marmo di Carrara è stato valorizzato da da vari artisti e maestritra i quali Michelangelo, Da Vinci, Bernini e Rodin. Le cave di Carrara hanno prodotto più marmo di ogni altro posto sulla terra. Lavorare nelle cave è stato pericoloso e continua ad esserlo ai giorni nostri”.

Del tutto priva di pericoli non è neppure la tecnica di Bernhard Lang, che per catturare i suoi scatti si sporge da piccoli aerei macchina fotografica alla mano.

Per vedere qualche foto in più di “Carrara Marble” o dare un’occhiata ad altre serie scattate dal fotografo con sede a Monaco, si può consultare il suo sito internet o seguire Bernhard Lang sui suoi account Instagram e Behance.

bernhard-lang-carrara-marble
bernhard-lang-carrara-marble-01
bernhard-lang-carrara-marble-02
bernhard-lang-carrara-marble-03
AV_Carraa003.jpg
bernhard-lang-carrara-marble-05
bernhard-lang-carrara-marble-06
bernhard-lang-carrara-marble-07
bernhard-lang-carrara-marble-08