Banksy vola a Parigi per criticare la politica di Macron con una serie di duri murales

 Banksy, image  ©  @WhereTheresWalls

Banksy, image  © @WhereTheresWalls

Per quanto l’opera di Banksy (ne ho parlato ad esempio qui) sia sempre focalizzata sulla critica politica e sociale, il lavoro dello street-artist più famoso di sempre, non manca mai di humor. Ma la serie di murales che nei giorni scorsi hanno fatto la loro comparsa sui muri di Parigi sono insolitamente duri. Il sorriso c’è ancora ma è molto-molto tirato.

Al centro di questo attacco ci sono le politiche migratorie (e non solo) dell’Europa intera e del premier francese Emmanuel Macron in particolare.

Le opere sono in tutto sei (compresi 3 topi) e arrivano tre mesi dopo il murale di New York dedicato alla prigionia della pittrice turca Zehra Dogan (è pubblicato in coda a questo pezzo). Al momento non c’è ancora una conferma ufficiale di Banksy ma questa volta sembra un proforma.

La bimba decoratrice: L’opera rivisita il precedente ‘Go Flock Yourself’ (del 2008). Rappresenta una bambina di colore che dipinge un motivo decorativo piacevole e retrò sopra una croce uncinata. Insomma, c’è il rischio che chi fa politica nasconda sotto parole rassicuranti e piacevoli atteggiamenti autoritari e aggressivi.
Il murale è stato realizzato vicino alla stazione della metropolitana di Porte de la Chapelle dove fino ad agosto dello scorso anno c’era il centro per rifugiati "La Bulle". Una città improvvisata all'interno della città che ospitava circa 2.700 migranti, La Bulle  è stato smantellato, secondo le stime, 35 volte prima che venissero assegnati degli alloggi temporanei agli occupanti. 

Napoleone coperto: Si ispira a “Napoleone supera le alpi al Gran San Bernardo” di Jacques Luis David, solo che Banksy avvolge il torso e la testa di Napoleone in un drappo rosso. Il pezzo è particolarmente critico nei confronti di Macron che, secondo l'autore, con propaganda e false promesse acceca i francesi (il drappo rosso intorno alla testa del generale).

L’uomo con l’osso: Questo murale rappresenta un uomo che porge un osso a un cane senza una gamba ma dietro la schiena nasconde una sega. L’opera parla ancora di promesse allettanti che nascondono politiche feroci e pericolose.

I 3 topi: In questi lavori Banksy fa riferimento all’instabilità e ai disordini francesi del maggio 1968 in cui il governo cessò temporaneamente di funzionare.

 Banksy, image  ©  @WhereTheresWalls

Banksy, image  © @WhereTheresWalls

 Banksy, image  ©  @WhereTheresWalls

Banksy, image  © @WhereTheresWalls

 Banksy, image  ©  @WhereTheresWalls

Banksy, image  © @WhereTheresWalls

 Banksy, image  ©  @WhereTheresWalls

Banksy, image  © @WhereTheresWalls

 Banksy, image  ©  @WhereTheresWalls

Banksy, image  © @WhereTheresWalls

 Banksy, image  ©  @WhereTheresWalls

Banksy, image  © @WhereTheresWalls

 Banksy, image  ©  @WhereTheresWalls

Banksy, image  © @WhereTheresWalls

 Banksy, image  ©  @WhereTheresWalls

Banksy, image  © @WhereTheresWalls

 Banksy, image  ©  @WhereTheresWalls

Banksy, image  © @WhereTheresWalls

banksy.jpg