Le sezioni di palline da golf fotografate da James Friedman rivelano colori vivaci e tessiture sempre diverse

©JamesFriedman-InteriorDesign064-960x960@2x.jpg

Al fotografo dell’Ohio James Friedman è venuta l’idea di immortalare l’interno delle palline da golf. La serie di immagini intitolata ironicamente Interior Design, mostra colori vari e vivaci che spiccano incorniciati dal candido rivestimento. E tessiture cangianti.

I materiali di cui è composto l’interno, poi, non sono sempre gli stessi. Anzi. Proprio per questo motivo Friedman ha pensato di tagliare le palline in diversi modi. Creando un universo tattile e scultoreo.

Posizionate su fondo nero e fotografate in un immutabile primo piano frontale le sfere fanno virare l’immagine verso l’astrattismo e ricordano un po’ dei pianeti. "Per alcuni spettatori, le mie fotografie di questa serie, intitolata Interior Design , alludono ai corpi celesti e al sublime- scrive James Friedman sul suo sito web- A me, la loro squisita elasticità strutturale e la loro sottile e appassionato gamma di colori, hanno ispirato nuove esplorazioni fotografiche".

Per vedere altri scatti di James Friedman ci sono il suo sito web e l’account Instagram. (via My Modern Met)

©JamesFriedman-Interior-Design-337-960x960@2x.jpg
©JamesFriedman-Interior-Design-671-960x960@2x.jpg
©JamesFriedman-Interior-Design-1005-960x960@2x.jpg
©JamesFriedman-Interior-Design-1034-960x960@2x.jpg
©JamesFriedman-Interior-Design-622-960x960@2x.jpg
©JamesFriedman-Interior-Design-289-960x960@2x.jpg
©JamesFriedman-Interior-Design-504-960x960@2x.jpg
©JamesFriedman-Interior-Design-522-960x960@2x.jpg

I vigili del fuoco salgono sul tetto di Notre Dame, in un video del 1934. Guarda questa raccolta di riprese d'epoca della cattedrale di Parigi!

Notre Dame di Parigi è andata a fuoco ieri di fronte agli occhi attoniti del mondo. Guglia e tetto sono perduti, sulle opere d’arte conservate all’interno si saprà di più oggi . Il presidente francese Emmanuel Macron ha detto: “Ricostruremo Notre Dame!”

La possibilità di restaurare ciò che è stato danneggiato e costruire nuovamente le parti crollate si deve allo sconfinato patrimonio di immagini e testimonianze della cattedrale francese di cui disponiamo.

Questa collezione di video d’epoca ne è un esempio. Per lo più di British Pathé (un produttore inglese di documentari dal 1910 fino agli anni ‘70), mostra Notre Dame, e la vita intorno alla cattedrale, tra gli albori del secolo scorso e il 1963.

Quasi profetiche le immagini che riguardano i vigili del fuoco. Nel video The Super Ladder del 1934, ad esempio, mostrano la capacità di salire sul tetto di Notre Dame in tempi rapidissimi. Mentre in Beau Jet! (1933) riforniscono gli idranti nella Senna per poi annaffiare con il potente getto la zona retrostante la cattedrale. In un video degli anni ‘20 della Reuters , poi, i vigili del fuoco puliscono la facciata con gli idranti.

La guglia è, invece protagonista delle riprese di Reuters nel 1969, quando un gruppo di contestatori riesce a introdursi nottetempo nel punto più alto e appendere una bandiera dei Viet Cong.

Sempre British Pathé in un video del ‘29 (Gothic! A Paris Cameo) ci illustra la moltitudine di gargoyle che adornano l’iconica chiesa madre parigina. Mentre il restauratore Guy Jones (di cui ho parlato qui) restituisce alla vita il traffico del piazzale antistante nel ‘28. In coda il documentario di British Pathé (il più lungo della serie, gli altri sono brevissimi) che illustra le celebrazioni per l’ottocentesimo anniversario di vita di Notre Dame (1963).

La fotografa autodidatta Alison Pollack cattura le forme curiose e inaspettate dei funghi e delle muffe che si nascondono nelle foreste californiane

All photographs by Alison Pollack

All photographs by Alison Pollack

Hanno forme inaspettate e colori di una sorprendente vivacità. Solo un ristretto gruppo di iniziati sospetterebbe la loro natura. Sono i funghi e le muffe melmose che la fotografa autodidatta Alison Pollack cattura durante le sue escursioni nelle foreste della California settentrionale.

Con fattezze che li fanno somigliare a ciliege sotto spirito, spugne, girasoli e fiori secchi, infatti, a tutto fanno pensare tranne che al regno di organismi dove dimorano gli gnomi. Eppure i funghi non smettono di stupire. E le muffe non sono da meno.

"Adoro la varietà di funghi, ma le muffe melmose mi fanno impazzire- ha detto Alison Pollack in un'intervista- Le ho scoperte circa un anno fa. Stavo camminando su un sentiero con un amico e ho scattato la foto di una di loro. Non avevo idea di cosa fosse (...) Non sapevo che queste cose esistessero e tuttavia erano tutte intorno a me nella foresta.”

Un minuscolo universo che prolifera spesso sotto i nostri occhi senza che noi ce ne rendiamo conto. Quello dei funghi è un mondo a parte, in gran parte inesplorato. Basti pensare che i biologi stimano che sulla terra ne esistano 3 milioni e 200 mila specie ma solo 120 mila sono note alla scienza. La maggior parte si trova ai tropici ma se pure le foreste californiane, soprattutto durante i periodi umidi, sono così ricche di sorprese, probabilmente anche i boschi italiani sarebbero in grado di stupire se guardati con più attenzione.

Spesso mi siedo per terra-spiega la fotografa- Indosso sempre pantaloni da pioggia, così non mi bagno e cerco minuscoli punti di colore.”

Alison Pollack condivide poi le fotografie di muffe e funghi su instagram, per il semplice piacere di mostrare le sue scoperte ma anche per cercare di dare un nome agli organismi più rari. (via Colossal)

slime-mold-12-640x480@2x.jpg

Happy #SlimeMoldSunday to all slime mold lovers! Today I am happy to share three photos that show a Comatricha slime mold in three different stages of its life cycle. My friend @dejaklberk took a small piece of wood home from Pt Reyes. After discarding it into a flower pot she found new slime mold growth on it some days later, and brought it to me to photograph with my extreme macro lens. After a few days at my home even more new growth appeared, and I was able to photograph this lovely slime mold in three different stages. I believe this is either Comatricha nigra of Comatricha elegans. The fruiting bodies start out white, then turn a pale pink as in the first photo. Next the pink darkens into a reddish/brown as in the second photo, still with the outer surface smooth. The last photo shows the brown mature fruiting bodies with the outer surface dissolved and the brown spores ready to be dispersed. It is the amazing color and shape transformations in the brief life cycle of slime molds that really fascinate me! At some point I hope to graduate to time lapse photography, so I can better show how wondrous slime molds are! These three images were taken using an extreme macro lens. They are focus stacked from 77, 39, and 147 images, respectively. ______________________________________________ #mycophile #mycology #fungi #mushrooms #hongos #fungifreak #fungiphotography #mushroomphotography #fantasticfungi #mushroomsofinstagram #macro_perfection #allthemushroomhashtags #fungifanatic #forestfinds #slimemold #slimemould #myxomycetes #macro_brilliance #igbest_macros #macrophotography #Macro_vision #macro_of_our_world #macronature #naturenerd #focusstacking #macroworld #macro_spotlight #macrolens #SlimeMoldSunday

slime-mold-11.jpg

I have been getting more and more interested in the very tiny fungi in the forest, and this one is for me my most amazing find yet. I saw a tiny spot of yellow, and I took out my handy dandy 10x magnifying glass, and was amazed to see the incredibly bright color. But it was too small to see any of the details. I cut out a very small piece from the decaying log and took it home to photograph with my extreme macro lens. Even then I had to go to the highest magnification, and crop the image to see the amazing beauty of this very tiny cup fungus. I couldn't find it in my Ascomycetes of North America book so I sent it to the extremely knowledgeable and always helpful @leah_mycelia , and to my amazement she immediately identified it as Trichopeziza sulphurea. The disc is only about 0.1mm in diameter! First photo is the closest crop so you can see the amazing hairs. Swipe for other crops. This photo was chosen by iNaturalist as their photo of the day! The photo is a focus stack of 61 shots taken with the Laowa extreme macro lens on a Sony a7rII camera. _____________________________________________ #ascomycota #cupfungi #mycology #champignon #hongos #fungus #fungusamongus #mushroomhunting #forestfloor #pilz #paddestoel #mycophile #mushroomlover #fungifreaks #fungiphotography #mushroomphotography #fantasticfungi #fungiaffair #mushroomspotting #mushroomhunters #fungusporn #mushroomsofinstagram #MushLove #forestfinds #fungifanatic #fungiofinstagram #Macro_vision #macroworld #macro_of_our_world #macronature

slime-mold-7.jpg
slime-mold-9.jpg
slime-mold-8.jpg

La fotografia di Christy Lee Rogers è tra i vincitori del Sony World Photography Awards

Christy Lee Rogers, Harmony, United States, 1st Place, Open, Motion (Open competition), 2019 Sony World Photography Awards

Christy Lee Rogers, Harmony, United States, 1st Place, Open, Motion (Open competition), 2019 Sony World Photography Awards

Una delle fotografe dell’artista statunitense Christy Lee Rogers (ne ho parlato, qui) è stata selezionata nella ristretta rosa dei vincitori del premio Open Competition del Sony World Photography Awards. Solo dieci scatti tra migliaia di candidature provenienti da 195 Paesi.

Christy Lee Rogers si è aggiudicata il podio con “Harmory” della serie Muses per la categoria movimento. Si tratta di una fotografia di gruppo giocata su toni caldi. Barocca e impeccabile nella composizione, come al solito. E come sempre a vederla riesce difficile convincersi che si tratti di un’immagine subacquea, interpretata da modelli non professionisti e scattata dalla Rogers nella sua piscina alle Hawaii.

Così Christy Lee Rogers ha spiegato il suo atipico modo di lavorare: “Ho imparato ad avere una prospettiva dall'esterno dell'acqua, guardando dentro e usando la superficie della piscina come fosse una tela, ad utilizzare effetti naturali, come la rifrazione della luce con il movimento, per piegare la realtà, e a scattare la notte in modo da poter davvero controllare la mia luce. "

Insieme alla Rogers si sono aggiudicati la vittoria della competizione Open anche i francesi Philippe Sarfati, Carole Pariat e Nicolas Boyer; gli inglesi Tracey Lund e Richard Ansett. Oltre a Pan Jianhua (Cina), Martin Stranka (Repubblica Ceca), Rachel Yee Laam Lai (Hong Kong) e Hl Gage (di nuovo Stati Uniti).

Christy Lee Rogers e gli altri vincitori del Sony World Photography Awards faranno parte della mostra che dal 18 aprile verrà allestita alla Somerset House di Londra (2019 Sony World Photography Awards Exhibition, fino al 6 maggio). Tra di loro verrà anche scelto l’ Open Photographer of the Year che porterà a casa un premio di 5mila dollari (via My Modern Met)

“Woman wearing a Wedding Dress” by Nicolas Boyer, France, 1st Place, Open, Travel (Open competition), 2019 Sony World Photography Awards

“Woman wearing a Wedding Dress” by Nicolas Boyer, France, 1st Place, Open, Travel (Open competition), 2019 Sony World Photography Awards

“Heatwave” by Philippe Sarfati, France, 1st Place, Open, Architecture (Open competition), 2019 Sony World Photography Awards

“Heatwave” by Philippe Sarfati, France, 1st Place, Open, Architecture (Open competition), 2019 Sony World Photography Awards

“Peony and Leaves” by Rachel Yee Lam Lai, Hong Kong SAR, Winner, Open competition, Still Life, 2019 Sony World Photography Awards

“Peony and Leaves” by Rachel Yee Lam Lai, Hong Kong SAR, Winner, Open competition, Still Life, 2019 Sony World Photography Awards

“Stumps, Alder Lake, Nisqually River, Oregon” by Hal Gage, United States of America, 1st Place, Open, Landscape (Open Competition), 2019 Sony World Photography Awards

“Stumps, Alder Lake, Nisqually River, Oregon” by Hal Gage, United States of America, 1st Place, Open, Landscape (Open Competition), 2019 Sony World Photography Awards

“Shadow Puppetry” by Pan Jianhua, China Mainland, Winner, Open competition, Culture, 2019 Sony World Photography Awards

“Shadow Puppetry” by Pan Jianhua, China Mainland, Winner, Open competition, Culture, 2019 Sony World Photography Awards

“Underwater Gannets” by Tracey Lund, United Kingdom, Winner, Open competition, Natural World & Wildlife, 2019 Sony World Photography Awards

“Underwater Gannets” by Tracey Lund, United Kingdom, Winner, Open competition, Natural World & Wildlife, 2019 Sony World Photography Awards

“Dreamers and Warriors” by Martin Stranka, Czech Republic, Winner, Open competition, Creative, 2019 Sony World Photography Awards

“Dreamers and Warriors” by Martin Stranka, Czech Republic, Winner, Open competition, Creative, 2019 Sony World Photography Awards

'Open Air Toilet: When will it end?' by Carole Pariat, France, 1st Place Open, Street Photography (Open Competition), 2019 Sony World Photography Awards

'Open Air Toilet: When will it end?' by Carole Pariat, France, 1st Place Open, Street Photography (Open Competition), 2019 Sony World Photography Awards

“Grayson Perry – Birth” by Richard Ansett, United Kingdom, 1st Place, Open, Portraiture (Open competition), 2019 Sony World Photography Awards

“Grayson Perry – Birth” by Richard Ansett, United Kingdom, 1st Place, Open, Portraiture (Open competition), 2019 Sony World Photography Awards

Come illustrazioni di un antico libro di fiabe gli alberi fotografati con rigore scientifico da Fabio Strinati

foto fabio-strinati-01.jpg

Fabio Strinati fotografa alberi. Talvolta molto antichi, altre meno. I suoi scatti però non hanno niente a che vedere con la documentazione botanica ma sono vere e proprie trasfigurazioni pittoriche fatte con la macchina fotografica. Niente colore. A volte sembrano gouache, altre disegni.

Ma a lasciare stupiti è la curiosa tecnica che si è inventato per catturare questi silenziosi giganti, a metà tra il rituale e il metodo scientifico. Usa una reflex senza cavalletto, che tiene lontana dall’occhio rigorosamente 10 centimetri e scatta una sola fotografia per ogni soggetto. “Pensiero asciutto” dice lui, fatto stà che gli alberi non ne escono inariditi ma sembrano anzi rivestiti da una patina di magia come se da un momento all’altro fate e altre creature fiabesche potessero fare capolino.

Con la fotografia ho un rapporto particolare- spiega- perché ho sviluppato nel corso del tempo ( attraverso un procedimento se vogliamo ‘sciamanico’ ), un modo di fotografare molto asciutto e privo di riverberi. Un approccio molto personale, fatto su una ricerca attenta, interiore e spirituale.

Fabio Strinati vive nel grazioso borgo Esanatoglia, nelle Marche, oltre a lavorare con la fotografia è artista visivo e compositore. Ma soprattutto poeta, e i suoi scatti ne risentono.

La serie di fotografie pubblicata in questo post e dedicata ad alberi secolari e scorci di bosco è una riflessione sullo scorrere del tempo e sulla nostra incapacità di razionalizzarlo. Secondo Strinati vedere ci può aiutare a capire un concetto astratto che subiamo, senza prendere mai completamente coscienza della sua concretezza.

Quando faccio fotografie ad alberi secolari sento il peso del tempo- continua Fabio Strinati- di un'età importante. Infatti, questa serie di fotografie/immagini, hanno come unico obiettivo, quello di immortalare il tempo per poterlo poi immagazzinare attraverso l’uso della vista.”

Fabio Strinati non è l’unico ad aver reinventato l’interpretazione pittorica del paesaggio con la fotografia. Ma il suo lavoro non rievoca tanto i dipinti quanto le illustrazioni che completano i racconti dei libri d’epoca. Magari quelli di fiabe.

foto fabio_strinati.jpg
foto fabio-strinati-03.jpg
foto fabio-strinati-04.jpg
foto fabio-strinati-05.jpg
foto fabio-strinati-02.jpg

La fotografia di Brooke Didonato che trasforma in una tenera ed elegante fiaba la vita nella provincia americana

brooke-extra-2.jpg

Brooke Didonato è una giovane fotografa originaria dell’Ohio che adesso vive a Brooklyn, da dove racconta con scatti teneri e surreali la provincia degli Stati Uniti. Le sue immagini sono dense di decorazioni (non importa se naturali o artificiali) e hanno una tavolozza curatissima. Il risultato sono scene di vita quotidiana che si trasformano nei fotogrammi della fiaba narrata da un regista.

Ha cominciato facendo da modella per le sue fotografie (come, ad esempio, Ania Njemi) per poi coinvolgere altri soggetti. Ma senza modificare il clima surreale e fiabesco delle immagini. In cui appena un soffio di mistero increspa una narrazione lenta e ingenua. Che fa sorridere e intenerisce.

Spesso riesce in questo equilibrio mettendo i suoi protagonisti in situazioni che si discostano dalla realtà quel tanto che basta per trasportarli nella fantasia. Oppure facendogli assumere pose improbabili.

"La maggior parte delle mie immagini sono ambientate in luoghi reali, ma i personaggi sono spesso esagerati o immaginati", ha detto DiDonato in una breve intervista al magazine online Colossal. "Mi interessa fondere insieme questi diversi elementi e consegnarli attraverso un mezzo che era tradizionalmente pensato come un modo per archiviare la realtà."

Brooke Didonato ha una clientela composta da importanti aziende (tra le quali l’inserto D di Repubblica) ma si sente un’artista e non una semplice creativa. Per vedere altri suoi scatti oltre a dare uno sguardo al sito internet si può scorrere il suo account instagram.

DiDonatoi-D103.jpg
DiDonato.107.jpg
BrookeDidonato_6.jpg
BrookeDidonato_5.jpg
brooke-extra-1.jpg
BrookeDidonato_2.jpg
BrookeDidonato_01.jpg
DiDonato.103.jpg
DiDonato.104.jpg