Maurizio Cattelan fa una mostra sui falsi nella patria delle imitazioni. Nel frattempo Jeff Koons viene condannato per aver copiato una scultura

 The Artist is Present mural, Shanghai. Courtesy of Gucci.

The Artist is Present mural, Shanghai. Courtesy of Gucci.

Portare in Cina una mostra d’arte contemporanea sulle imitazioni può sembrare come se qualcuno cercasse di vendere ghiaccio agli esquimesi. Ma se quel qualcuno è una stella come Maurizio Cattelan (ne ho parlato qui) che ha costruito una carriera su sfottò e colpi di teatro usando i media (che abboccavano, spesso ignari. all’amo dell’artista) come grancassa e parte dell’opera d’arte per la loro (la nostra, quindi) maliziosa ingenuità, il discorso cambia. Se poi accanto a lui c’è il direttore creativo di Gucci, Alessandro Michele, che definisce la moda come “un frullato di bellezza”, si capisce che l’evento vuole stupire e seguirà la strada di una trasgressione controllata.

E, infatti, The artist is present(titolo rubato alla mostra evento che Palazzo Strozzi stà dedicando alla carriera di Marina Abramovic), ideata da Alessandro Michele e curata da Maurizio Cattelan allo Yuz Museum di Shanghai (fino al 16 dicembre), ha scelto di riflettere sul tema della contraffazione partendo dal presupposto che “l’originalità è sopravvalutata. Insomma secondo Cattelan i falsi promuovono e preservano le opere d’arte (e gli oggetti di design, come le borse di Gucci) e l’ossessiva ripetizione può portare a raggiungere l’originalità.

“The Artist is Present- scrivono nella presentazione della mostra Cattelan e Michele- si concentra su progetti di artisti che propongono la simulazione e la copia come paradigma della cultura globale. Il titolo stesso mira a dimostrare come l'atto di copiare possa essere considerato un nobile atto di creazione, con lo stesso valore artistico dell'originale.

 Maurizio Cattelan, Untitled, 2018. Courtesy of the artist.

Maurizio Cattelan, Untitled, 2018. Courtesy of the artist.

La mostra è composta dalle opere di oltre 30 artisti ed è stata anticipata da grandi pubblicità sui muri di Milano, New York, Londra e Hong Kong che riproducevano i poster originali della mostra di Marina Abramovic. Tra le opere da tenere a mente: la copia in scala ridotta della Cappella Sistina ‘Untitled’ firmata dallo stesso Cattelan;

 Kapwani Kiwanga, pink-blue, 2017. Courtesy of the artist and galerie Jérôme Poggi, Paris / Goodman gallery, Johannesburg and Cape Town / Tanja Wagner gallery, Berlin.

Kapwani Kiwanga, pink-blue, 2017. Courtesy of the artist and galerie Jérôme Poggi, Paris / Goodman gallery, Johannesburg and Cape Town / Tanja Wagner gallery, Berlin.

‘Rosa-blu’ di Kapwani Kiwanga che affronta il tema del plagio facendo attraversare al visitatore un corridoio colorato di rosa Baker-Miller (un tono che gli esperimenti hanno dimostrato avere un effetto tranquillizzante in modo univoco sui soggetti), e dopo di un intenso blu neon (che viene spesso utilizzato nei bagni pubblici per scoraggiare l'uso di droghe per via endovenosa e nelle metro giapponesi per dissuadere dal suicidio),

 Superflex, Power Toilets/Council of the European Union, 2018. Power Toilets / Council of the European Union is designed in close collaboration with NEZU AYMO architects. Courtesy of the artist.

Superflex, Power Toilets/Council of the European Union, 2018. Power Toilets / Council of the European Union is designed in close collaboration with NEZU AYMO architects. Courtesy of the artist.

oltre, per esempio, a ‘Power Toilets / Council of the European Union’ di Superflex, replica a grandezza naturale eseguita in modo minuzioso, del bagno del Consiglio dell’Unione Europea di Bruxelles.

 Jeff Koons, Fait d’Hiver, 1988. Photo: Christie’s. Franck Davidovici, Naf Naf ad, 1985. Photo: Naf Naf.

Jeff Koons, Fait d’Hiver, 1988. Photo: Christie’s. Franck Davidovici, Naf Naf ad, 1985. Photo: Naf Naf.

Mentre la mostra sulla falsificazione del duo Maurizio Cattelan- Alessandro Michele è in corso un’altra stella sempre splendente nel firmamento dell’arte contemporanea è nei guai per aver copiato una pubblicità.

La Corte di Giustizia di Parigi, infatti, ha dato ragione al creativo Franck Davidovici e condannato Jeff Koons per violazione del copyright. Davidovici sosteneva che una scultura (‘Winter fact’ attualmente di proprietà della Fondazione Prada di Milano) di Koons fosse una copia della sua pubblicità ‘Fait d’hiver’, realizzata per il brand d’abbigliamento Naf Naf. Koons non ha mai negato di aver usato l’immagine come base per la sua scultura ma non come copia bensì come esplicita citazione. La corte tuttavia ha multato Koons, il Museo Pompidou (per averla esposta) e un editore (per averla pubblicata).

 Poster of the Exhibit. Photo by Ronan Gallagher; from an image by Marco Anelli ©️ 2010

Poster of the Exhibit. Photo by Ronan Gallagher; from an image by Marco Anelli ©️ 2010

Nel frattempo una compagnia cinese che non si voleva far battere sul campo da un gruppo di occidentali ha organizzato una grande mostra itinerante di Takashi Murakami e Yayoi Kusama. Peccato che gli artisti non ne sapessero niente e che sembrino orientati a ritenere che le opere esposte fossero false. Stanno valutando se fare causa.

La concatenazione di questi eventi ci fa capire che in un mondo digitalizzato e globalizzato il tema della proprietà intellettuale è più che mai d’attualità anche per gli artisti, ma che in questo campo rischia più facilmente che in altri settori ,di tramutarsi in un coltello a doppio manico (via yatzer, artforum)

 The Artist is Present, Shanghai 2018. Exhibition View. HOLLYWOOD TM & Design © 2018. Hollywood Chamber of Commerce. The Hollywood Sign is a trademark and intellectual property of Hollywood Chamber of Commerce. All Rights Reserved.

The Artist is Present, Shanghai 2018. Exhibition View. HOLLYWOOD TM & Design © 2018. Hollywood Chamber of Commerce. The Hollywood Sign is a trademark and intellectual property of Hollywood Chamber of Commerce. All Rights Reserved.

 The Artist is Present, Shanghai 2018. Exhibition View. In the foreground porcelain TVs made by artist Ma Jun.

The Artist is Present, Shanghai 2018. Exhibition View. In the foreground porcelain TVs made by artist Ma Jun.

 XU ZHEN®, Eternity – Northern Qi golden and painted Buddha, Tang Dynasty torso of standing Buddha from Quyang city, Northern Qi painted Bodhisattva, Tang Dynasty seated Buddha from Tianlongshan, Northern Qi painted Buddha, Tang Dynasty torso of a seated Buddha from Tianlonshan grotto No. 4, Parthenon East pediment, 2013-2014. Courtesy of the artist and MadeIn Company.

XU ZHEN®, Eternity – Northern Qi golden and painted Buddha, Tang Dynasty torso of standing Buddha from Quyang city, Northern Qi painted Bodhisattva, Tang Dynasty seated Buddha from Tianlongshan, Northern Qi painted Buddha, Tang Dynasty torso of a seated Buddha from Tianlonshan grotto No. 4, Parthenon East pediment, 2013-2014. Courtesy of the artist and MadeIn Company.

 The Artist is Present, Shanghai 2018. Exhibition View.

The Artist is Present, Shanghai 2018. Exhibition View.

 Ragnar Kjartansson, My great, great, grandmother’s song (for China), 2018. Performance. Courtesy of the artist and Luhring Augustine.

Ragnar Kjartansson, My great, great, grandmother’s song (for China), 2018. Performance. Courtesy of the artist and Luhring Augustine.

 The Artist is Present, Shanghai 2018. Exhibition View.

The Artist is Present, Shanghai 2018. Exhibition View.

 The Artist is Present, Yuz Museum, Shanghai 2018

The Artist is Present, Yuz Museum, Shanghai 2018