I paesaggi interamente commestibili fotografati da Carl Warner

 carl warner, serie foodscapes,

carl warner, serie foodscapes,

Recentemente ha presentato una serie di immagini in bianco e nero in cui degli scampoli di corpo umano si ripetono accostati l’un l’altro, fino a tramutarsi nell’occhio dell’osservatore in dune di sabbia o catene montuose. Ma Carl Warner, classe 1963 originario di Liverpool, è conosciuto soprattutto per i coloratissimi, dettagliati e fantasiosi paesaggi della serie “Foodscapes”.  Dove tutto, ma proprio tutto, è fatto di cibo.

La serie di fotografie “Foodscapes" nasce negli anni ’90 quanto al fotografo e illustratore Carl Warner viene l’idea di costruire dei paesaggi con i funghi (gli sembravano “alberi alieni”). Da allora ne ha creati a decine, che si sono fatti via via più compositi e ricchi di elementi.

Per realizzarli passa ore nei mercati in cerca dei materiali migliori. Lattuga e radicchio, asparagi e zucche, riso pasta e semi, dolci di ogni genere ma anche formaggi e insaccati, nelle fotografie di Carl Warner non manca proprio niente e il made in Italy ha un posto di rilievo (non a caso ha collaborato a numerosi progetti pubblicitari nel belpaese).

In “Foodscapeses” ogni particolare, anche il più piccolo è commestibile. Warner, infatti, prima realizza delle dettagliate illustrazioni del paesaggio da costruire, ingrediente dopo ingrediente, poi prepara dei modelli tridimensionali in cui usa solo generi alimentari. 

"Tendo a disegnare paesaggi molto convenzionali- ha spiegato Carl Warner- usando tecniche di composizione classiche perchè voglio ingannare l'osservatore, fargli pensare di trovarsi di fronte a una scena reale (almeno a prima vista). Ed è la realizzazione della scena in effetti ad essere fatta di cibo, quando lo spettatore lo scopre inevitabilmente sorride, e per me quella è la parte migliore ".

Le opere di Carl Warner sono state pubblicate un po’ ovunque nel mondo da giornali e blog mentre le reti televisive di vari paesi gli hanno dedicato piacevoli approfondimenti (ne ho allegato uno di sotto), il sito internet tuttavia resta la miglior opzione per vedere altre sue fotografie e farsi un’idea del suo lavoro. 

 carl warner, serie foodscapes,

carl warner, serie foodscapes,

 carl warner, serie foodscapes,

carl warner, serie foodscapes,

 carl warner, serie foodscapes,

carl warner, serie foodscapes,

 carl warner, serie foodscapes,

carl warner, serie foodscapes,

 carl warner, serie foodscapes,

carl warner, serie foodscapes,

 carl warner, serie foodscapes,

carl warner, serie foodscapes,

 carl warner, serie foodscapes,

carl warner, serie foodscapes,

 carl warner, serie foodscapes,

carl warner, serie foodscapes,

 carl warner, serie foodscapes,

carl warner, serie foodscapes,

 carl warner, serie foodscapes,

carl warner, serie foodscapes,

 carl warner, serie foodscapes,

carl warner, serie foodscapes,

 carl warner, serie foodscapes,

carl warner, serie foodscapes,

 carl warner, serie foodscapes,

carl warner, serie foodscapes,

 carl warner, serie foodscapes,

carl warner, serie foodscapes,