Gli orologi del designer Maarten Baas in cui un omino cancella e ridisegna le lancette minuto dopo minuto

MaartenBaas-5.gif

La serie di orologi Real Time del designer olandese Maarten Baas, presentata nel 2009 proprio in Italia (al Salone del Mobile di Milano), mette insieme nostalgia, ingenuità e tecnologia. Il disegno dell’oggetto, infatti, è semplice, spesso dalle linee volutamente infantili ed evocativo di modelli di orologi diffusissimi in passato, ma il quadrante è uno schermo piatto. A guardarlo però sembra che sia un vetro, dietro al quale un omino armato di spugna e colore, cancella e ridisegna le lancette 24 ore su 24.

Da quando è stato presentato questo progetto di Baas è cresciuto. Già l’anno successivo la riedizione di un orologio da tavolo con numeri luminosi era diventata una app. In seguito la famiglia dei Grandfather Clocks (che evocano con ironia gli orologi a pendolo di primo-novecentesca memoria) è entrata nelle collezioni del Rijksmuseum di Amsterdam, del Victoria Museum di Melbourne e della Maison Rouge di Parigi. Maarten Bass ha anche girato un film (Sweeper’s Clock), in cui due figure in tuta da lavoro, riprese dall’alto su una spiaggia, cambiano la posizione delle lancette muovendo dell’immondizia depositata sul litorale.

Dal 2016 all’aeroporto di Amsterdam c’è un’orologio della serie Real Time (Shiphol Clock) ad alleggerire l’attesa dei voli internazionali. L’omino che incessantemente ridisegna le lancette ha una tuta da lavoro blu, uno straccio giallo e un secchio rosso, in omaggio al pittore olandese Piet Mondrian.

A seguire tutti i lavori della serie Real Time ma per vedere le altre creazioni di Maarten Baas ci sono il suo sito internet o l’account instagram. (via Colossal)

MaartenBaas-4.gif
MaartenBaas-3.gif
MaartenBaas-1.gif

Il fragile equilibrio delle sculture di vetro di Simone Crestani, indecise tra la terra del design e il mare dell'arte

SimoneCrestani_03.jpg

In perfetto equilibrio tra arte, design e artigianato, il lavoro di Simone Crestani, si basa sul ripetersi di soggetti ricorrenti così ben congeniati da diventare, loro malgrado, marchi di fabbrica e protagonisti di un racconto in cui nulla è lasciato al caso. E in cui tutto è legato da un filo trasparente e mutevole come il vetro.

Vi compaiono: bonsai, lische di pesce, rami di corallo, catene molecolari che assomigliano alle bolliccine del prosecco. D’alta parte Simone Crestani è veneto. Non veneziano, come si potrebbe pensare, però: classe 1984 è nato e risiede in provincia di Vicenza. E forse proprio questa sua relativa lontananza dalla patria degli artigiani vetrai, gli ha regalato la libertà necessaria per rompere il cordone ombelicale con la tecnica di Murano e inventarsene una tutta sua.

Crestani usa vetro borosilicato che lavora a lume.

A ispirarlo è il mondo della natura. Il bonsai tra i suoi soggetti è forse quello che ritorna più frequentemente: "Il bonsai è un concentrato di vita- spiega sul suo sito web- Lui supera la barriera delle dimensioni ed esprime forza ed energia; è un'opera d'arte che non è mai finita, in cui la natura continua a svilupparsi e evolversi "

Soprattutto se guardato nella prospettiva del design il lavoro di Crestani è punteggiato di soluzioni molto originali ed ironiche: la lisca di un pesce che si trasforma in un vaso, le catene molecolari che si fanno lampadario (la citazione ai parenti di quest’ultimo in vetro di Murano è evidente). Mentre nella serie 'Tensione Estetica’ in cui gioca coi materiali e con l’ambiente, sfruttando anche un po’ la prospettiva, si avvicina con passo deciso all’assoluta assenza di scopo e quindi all’arte.

Per vedere un delizioso armadietto con le bolle di vetro o il simpatico pollo-brocca l’account Simone Crestani è la soluzione migliore. (via Colossal)

SimoneCrestani_05.jpg
simone-crestani-01.jpg
SimoneCrestani_07.jpg
SimoneCrestani_01.jpg
SimoneCrestani_11.jpg
SimoneCrestani_12.jpg
SimoneCrestani_09.jpg
SimoneCrestani_08.jpg

A Nates nascerà l'Arbre aux Hérons, il giardino pensile più grande del mondo. Con tanto di bestiario meccanico firmato La Machine

Alla fine ci saranno voluti 4 anni per costruirlo, ma l’ Arbre aux Herons (l’albero degli aironi), a firma La Machine, che sorgerà nell’area della Carrière de Miséry a Nantes, sarà un parco divertimenti unico al mondo. Un gigantesco albero metallico, con tanto di giardini pensili in cui i visitatori si potranno godere la frescura osservando il paesaggio dall’alto. Senza naturalmente perdere d’occhio le strane creature meccaniche che si muoveranno tra i rami

A Nantes già esiste un parco divertimenti che ha radici nell’antica passione dei francesi per i libri d’avventura dell’ottocento (un esempio lo trovate qui) e che deve la sua magia al genio creativo del designer François Delaroziere, direttore della ‘Compagnie La Machine’.  Si chiama,appunto, ‘Les Machines de L’Ile’ ed è un luogo straordinario. In bilico, tra arte, illustrazione, design e scenografia teatrale.  Ci sono elefanti che portano in giro la gente come fossero pulmini, ragni giganti che si possono guidare e si arrampicano sulle pareti, draghi sputa fuoco.

Tutte queste creature sono meccaniche. Disegnate e create a mano (negli ateliers della compagnia teatrale La Machine). "Usiamo sempre materiali pregiati come legno, pelle, rame o vetro e non usiamo mai materie plastiche", ha recentemente dichiarato in un'intervista la responsabile marketing di La Machine Frédette Lampre.

E tra poco, nascerà anche l’ Arbre aux Hérons. Sempre firmato da Delaroziere, Pierre Orefici e dalla Compagnie La Machine Si tratterà di un parco divertimenti costruito tra le fronde metalliche di un’enorme pianta artificiale. Alta ben 34 metri, sfiorerà i 49 metri in diametro. Sui suoi rami ci saranno dei veri giardini pensili e una serie di animali meccanici, che si muoveranno rendendo fiabesca e surreale la location (ad esempio un grande airone e una voliera in cui i pennuti metallici cinguetteranno accanto ai veri uccellini)

Ispirato ai mondi di Jules Verne e Leonardo Da Vinci- spiegano i promotori - è un progetto artistico senza precedenti. Dopo il Grand Elephant and the Machine Gallery nel 2007, il Carousel of the Sea Worlds nel 2012, l'albero degli aironi è la terza fase de Les Machines de l‘Ile. Uscito dalle menti di François Delaroziere e Pierre Orefice, sarà situato lungo le rive della Loira, a pochi metri dalla casa dove Jules Verne trascorse la sua adolescenza e dove Jean-Jacques Audubon crebbe e disegnò i sui primi aironi.”

L'obiettivo è aprire l’Albero degli Aironi nel 2022. Solo i due terzi dei 35 milioni di euro necessari sono stati coperti da finanziamenti pubblici. Così qualche mese fa è stata organizzata una campagna di crowdfunding su Kickstarter, che ha fruttato 373.525 € in 7 settimane

Dopo la pausa invernale, il parco ‘Les Machines de L’Ile’ riaprirà al pubblico il 9 febbraio con un bradipo meccanico nuovo di zecca. Invece, la passeggiata nella Carrière de Miséry‘ che condurrà a l'Arbre aux Hérons’. sarà inaugurata nel corso dell’anno.

Va infine ricordato che La Machine porta in giro per il mondo le straordinarie creature che si possono osservare nel parco per delle spettacolari rappresentazioni di teatro di strada (in coda a questo post le immagini delle riprese di un’esibizione diventata virale).

un prototipo del nuovo parco divertimenti

un prototipo del nuovo parco divertimenti

il prototipo di un ramo

il prototipo di un ramo

heron-tree-1.jpg
un rendering del progetto

un rendering del progetto

progetti dell’albero

progetti dell’albero

un ragno robotico firmato la Machine  a Tolosa in occasione di una rappresentazione di teatro di strada

un ragno robotico firmato la Machine a Tolosa in occasione di una rappresentazione di teatro di strada

un minotauro robotico firmato La Machine in uno spettacolo a Tolosa

un minotauro robotico firmato La Machine in uno spettacolo a Tolosa

Apre a Las Vegas la cappella per matrimoni del designer Joshua Vides che sembra un disegno in bianco e nero

joshua-vides (1).jpg

Dalla prossima primavera sarà possibile sposarsi in una cappella per matrimoni che sembra un disegno tracciato con un pennarellone. Si chiama “Til death do us part” (Finchè morte non ci separi) ed è stata realizzata dal designer guatemalteco-americano Joshua Vides all’interno del Palms Casinò Resort. Dove? A Las Vegas. E dove se no!?!

Il Palms Casinò Resort è stato recentemente al centro delle cronache per la ristrutturazione da 690 milioni di dollari e per il numero di opere d’arte contemporanea acquisite. Farsi un’idea della collezione del Palms non è difficile, se si pensa che la mega-scultura in bronzo Demon with Bowl di Damien Hirst, ha trovato casa proprio lì. Immaginare la piccola cappella per matrimoni di Joshua Vides senza aver visto le fotografie, invece, facile non lo è per nulla, tanto assomiglia a un’immagine disegnata su un foglio di carta, anzichè a una struttura tridimensionale.

Ma è reale. Tirata su con metallo, legno, vernice lucida e vernice epossidica, la cappella per matrimoni di Joshua Vides si prepara a offrire una location ideale per gli ‘instagram weddings’ e a far recuperare qualche dollaro al Palms, ovviamente. Anche se tutto sommato i prezzi dei pacchetti per un matrimonio a misura di scatti social, non saranno popolari ma non si possono neppure dire proibitivi: si va da 250 dollari per qualche fotografia veloce (senza cerimonia), fino ai 4500 per un matrimonio completo di invitati, ricevimento e una notte nella suite dell’ hotel.

Joshua Vides ha lavorato con numerose aziende ma considera “Til death do us part” del Palms Casino Resort come se fosse un suo progetto personale (e quindi artistico), perchè gli ha permesso di esprimere plasticamente come i social media stanno modificando il design e cambiando la progettazione di spazi. Inoltre le cappelle per matrimoni sono un’icona di Las Vegas. (via Designboom, Forbes, Insider)

josh-vides.jpg
joshua-vides

La grande onda di Kanagawa di Hokusai è diventata un gigantesco murale in un nuovo quartiere di Mosca

la grande onda di kanagawa, katsushika hokusai, murale, etalon city, mosca

la grande onda di kanagawa, katsushika hokusai, murale, etalon city, mosca

La Grande Onda di Kanagawa è la più famosa e riprodotta tra le opere dell’artista giapponese Hokusai (1760-1849) e adesso è anche un gigantesco murale che si estende su sei grattaceli di Etalon City a Mosca. Per un totale di 60mila metri quadri.

Etalon City sarà un’insediamento abitativo composto da 9 palazzi a sud-ovest di Mosca. Situato nel mezzo del nulla o quasi ma facilmente raggiungibile con i mezzi di trasporto, avrà un design del tutto unico. La facciata di ogni palazzo, infatti, tratteggerà degli elementi iconici di alcune famose città americane ed europee. Così le forme di New York, Chicago, Barcellona e Monaco. saranno chiaramente visibili sugli alti edifici rettangolari. Ma il progetto (che per ora è ancora in via di realizzazione) prevede anche decorazioni di aree pubbliche e spazi verdi a tema.

La Grande Onda di Kanagawa di Hokusai è stata scelta per guardare l’autostrada (sempre in costruzione) e circoscrivere l’insediamento abitativo. E quindi per accogliere le persone al loro ingresso in città. (via Spoon & Tamago)

immagini gentilmente concesse dal gruppo etalon

immagini gentilmente concesse dal gruppo etalon

immagini gentilmente concesse dal gruppo etalon

immagini gentilmente concesse dal gruppo etalon

Poster House, il nuovo museo di Nyc, regalerà una pubblicità da star a chi ridarà vita ai vecchi manifesti americani con l'animazione

I-want-you-for-U.S.-Army.JPG

Se pensate di avere talento e ne sapete qualcosa dei processi di animazione siete capitati sul post che fa per voi. Il Museo Poster House di New York in collaborazione con la Libreria del Congresso degli Stati Uniti hanno indetto un concorso aperto a tutti (professionisti, studenti, dilettanti) a cui si può partecipare da casa. L’obbiettivo è ridare vita agli storici manifesti statunitensi con l’animazione. Non servono strumenti particolari o conoscenze esclusive, vanno bene anche le semplici gift animate.

I vincitori si aggiudicheranno la pubblicità che si riserva alle star.

Il museo Poster House inaugurerà nel 2019 a Manhattan. Dedicato al design e alla storia dei manifesti, nasce con il proposito di essere un attore del dibattito culturale. insomma non si limiterà ad esporre vecchi pezzi di carta ma cercherà di restituirgli l’interesse del grande pubblico costruendo eventi. In questa direzione va il concorso di animazione che ne precede l’apertura.

Si intitola semplicemente Poster Animation Competition e per parteciparvi bisognerà scaricare una delle 31 immagini ad alta risoluzione di manifesti che la Library of Congress ha raccolto nella sezione Free to Use and Reuse Sets (cioè dove si trovano delle collezioni già divise per argomento tra materiale non coperto da copyright e messo a disposizione del pubblico.) e usarli per creare delle animazioni "uniche, avvincenti e divertenti.".

Le venti animazioni vincenti saranno mostrate in digitale nella vetrina della Poster House sulla 23esima Strada di Manhattan, fino alla grande inaugurazione del museo nel 2019. Saranno poi presenti sui vari canali di social media e sul sito Web di Poster House. I nomi degli autori saranno scritti, infine, in vinile sulla finestra del museo. Senza contare che i vincitori avranno diritto ad un abbonamento di un anno al museo per due (che prevede l'accesso speciale a Poster House prima dell'apertura al pubblico).

Le animazioni vanno spedite via mail al museo entro la mezzanotte del 31 dicembre. Per saperne di più c’è il sito di Poster House.

Lloyd-J-Harriss-Pies.JPG
Braniff-International-Airways.JPG
C_PH-LoC_Post_addl_1200px-02.jpg
Chicago-Braniff-International-Airways.JPG
Jantzen-Binder.JPG
Rural-Electrification-Administration.JPG