Arriva a Milano la Stonehenge di Jeremy Deller. A grandezza naturale, dissacrante e… gonfiabile

 image by james hutchinson

image by james hutchinson

‘Sacrilege’ è un’installazione iconica dell’artista concettuale britannico Jeremy Deller esposta per la prima volta a Londra in occasione delle Olimpiadi del 2012. Consiste in una riproduzione gonfiabile in scala 1:1 del sito archeologico Stonehenge (per un totale di 35 metri di diametro). 
E adesso stà per arrivare a Milano.

Al centro dell’opera di Jeremy Deller il rapporto reverenziale degli inglesi con Stonehenge e per estensione di tutti noi con le opere d’arte. Infatti, mentre nel sito neolitico patrimonio dell’UNESCO, i visitatori devono mantenere una certa distanza dalle rocce per esigenze di conservazione, sull’installazione di Deller possono camminare ma anche saltare, giocare e arrampicarsi. Di qui il titolo ‘Sacrilege’ (Sacrilegio), appunto.

L’opera è effimera e vede la partecipazione dei visitatori come parte attiva. Due cavalli di battaglia della poetica dell’artista britannico. Negli anni è stata esposta a Madrid, Parigi, Sydney e Hong Kong.

Vincitore del prestigioso Turner Prize, premiato con Medaglia "Albert" della Royal Societ, Jeremy Deller ha rappresentato la Gran Bretagna alla Biennale di Venezia non molti anni fa e il suo curriculum conta un’interminabile fila di mostre in importanti musei del mondo (per esempio la Tate di Londra, all’Hirshhorn Museum di Washington).

La Stonehenge gonfiabile di Jeremy Deller verrà posizionata al parco City Life di Milano in occasione della fiera d’arte Miart e del Milan Design Week 2018 (dal 12 al 15 aprile). ‘Sacrilege’ è presentata dalla Fondazione Nicola Trussardi, l’evento è curato da Massimiliano Gioni. (via Designboom)

jeremy-deller-stonehenge-milano
jeremy-deller-stonehenge-milano
jeremy-deller-stonehenge-milano