60 MILA LAMPADE A ENERGIA SOLARE PER RICOPRIRE DI STELLE LA TERRA ROSSA DELL’OUTBACK

 Photo courtesy Bruce Munro 

Photo courtesy Bruce Munro 

60 mila lampadine ad energia solare, coprono la terra brulla e piatta sotto il massiccio di Uluru in Australia. L’installazione, realizzata dall’artista inglese Bruce Munro, è grande come quattro campi da calcio. E diventa spettacolare quando tramonta il sole.
Ci sono colori che vanno dal rosso al verde al viola e si estendono per centinaia di metri, raccordati dai fili (anch’essi luminosi,) che collegano i punti luce tra d loro. L’effetto è impressionante. Nel silenzio dell’outback australiano.
Quest’installazione si chiama “Field of light” e nasce nel 1992, quando Munro visitò per la prima volta il massiccio sacro agli aborigeni. “Vidi nella mia mente un territorio ricoperto di steli illuminati, come semi addormentati in un deserto secco, che quietamente aspettano fino allo scendere delle tenebre, sotto una coperta ardente di stelle del sud, fiorire con un gentile ritmo di luci“ ha detto Munro. 

L‘artista non volle mai fare uno schizzo della sua visione ma fece di più. La realizzò. A vent‘anni di distanza, nel giardino di casa sua. Da allora, “Field of light“ è stata allestita in diverse locations. E quest’anno è finalmente arrivata, in una versione monumentale, nel luogo in cui è nata.
La larga scala, il paesaggio naturale e la luce sono elementi ricorrenti della poetica di Munro. Che ama anche moltiplicare oggetti poco appariscenti facendoli diventare una massa evocativa. E suscitando la risposta emotiva dello spettatore
Il ricavato dell’operazione verrà devoluto alla popolazione aborigena che ha ribattezzato l’opera “Tili Wiru Tjuta Nyakutjaku” che in lingua Pitjantjatjara significa “Guardando tante bellissime luci”.
L’installazione si inaugura oggi e si potrà ammirarla fino al marzo 2017. Certo, sempre che si abbia in programma un viaggio nell’outback australiano. (via Colossal)

 Photo courtesy Bruce Munro 

Photo courtesy Bruce Munro 

 Photo courtesy Bruce Munro

Photo courtesy Bruce Munro

 Photo courtesy Bruce Munro

Photo courtesy Bruce Munro

 Photo courtesy Bruce Munro

Photo courtesy Bruce Munro

 Photo courtesy Bruce Munro

Photo courtesy Bruce Munro

 Photo courtesy Bruce Munro

Photo courtesy Bruce Munro